Motocicliste
 
Login | Registrati |condividi su  

home page

Euro 1 e Euro 2

La "multidirettiva" si riferisce alle omologazioni e non alle immatricolazioni.
Questo significa che tutte le motociclette "non Euro", "Euro 1" ed "Euro 2" possono essere utilizzate.
Non possono essere omologate (e quindi acquistate nuove) motociclette che non siano almeno Euro 1.
I problemi possono sorgere al momento dell'entrata in vigore di provvedimenti restrittivi della circolazione, i famigerati blocchi del traffico. In alcune città è consuetudine vietare la circolazione ai veicoli non rispondenti ai limiti alle emissioni noti come "Euro 1". Ne consegue che, allo stato attuale delle cose, acquistando un motociclo nuovo, rispettoso della "Euro 1" non si corre il rischio di vedersi vietata la circolazione nei giorni di blocco del traffico.

vedi anche qui

marmitta catalitica La EURO 1, entrata in vigore il 17 giugno 1999, prevede una serie di normative relative a moto e ciclomotori; in particolare:
l'emissione di CO non può superare i 6 grammi al chilometro e quella di HC + NOX i 3 grammi al chilometro; dovranno essere applicati dispositivi contro le elaborazioni; le emissioni sonore non potranno superare i 71 db per i ciclomotori e da 75 a 80 db (a seconda della cilindrata) per le moto.
Riguarda solamente le nuove omologazioni, per cui le moto attualmente in circolazione non avranno conseguenze. Inoltre la legge prevede che i mezzi costruiti secondo le vecchie omologazioni potranno essere venduti ancora per 4 anni.

La EURO 2, entrata in vigore il 17 giugno 2002, indica numerosi parametri ai quali dovranno adeguarsi i costruttori. Sono più severi di quelli della Euro 1, in particolare prevede:
l'emissione di CO non può superare 1 grammo al chilometri e quella di HC + NOX 1,2 grammi al chilometro; le emissioni sonore saranno ulteriormente limitate, ma non sono ancora noti i nuovi valori.

Euro 1 e Euro 2 non fanno riferimento alle emissioni di benzene che sono, invece, regolamentate da un'altra normativa europea che contempla una prima riduzione a 15 microgrammi per m3, quindi a 10 microgrammi e infine a 5. Cosa possibile anche con interventi sulla benzina prodotta dalle Case petrolifere.
(Motosprint, 8-14 dic. 98)

vedi anche Faq: Omologazioni e limiti. La mia moto è conforme alle norme euro?

Motocicliste ® 2000